| EN | | DE |
| EN | | DE |
logo Delicious Cortina
Averau_Bandion
©www.bandion.it
          | EN | | DE |
| EN | | DE |
logo Delicious Cortina
Averau_Bandion
©www.bandion.it

Il giro dell'Averau

Facile escursione ad anello che permette di godere a 360° delle fantastiche attrattive della zona: vista panoramica che spazia dalla valle d’Ampezzo fino alla Marmolada, al  Pelmo e al  Civetta;  visita al  museo all’aperto della Grande Guerra delle 5 Torri e al rifugio Nuvolau, il più antico delle Dolomiti; sosta nei rifugi Cinque Torri, Scoiattoli e Averau, apprezzatissimi per la cucina di livello; attraversamento di praterie d’alta quota dalle fioriture meravigliose e, con un pò di fortuna, possibili avvistamenti dei fringuelli alpini e marmotte, oltre ai simpatici gracchi.

L'escursione parte da Baita Bai de Dones situata lungo la Grande Strada delle Dolomiti - SS 48, a pochi minuti da passo Falzarego, alla partenza della seggiovia delle 5 Torri.

Si può decidere se raggiungere il primo rifugio del percorso a piedi o con  la seggiovia quadriposto cabinata, estremamente panoramica e comoda. A prescindere dalla scelta e prima di partire si consiglia una sosta al lago Bai de Dones a pochi minuti dalla Baita.

La descrizione del giro completo partendo a piedi da Baita Bai de Dones è riportata nella scheda tecnica.

 

Novità DELICIOUS APP

Consigli, servizi, eventi per la tua vacanza

Scopri tutte le funzionalità

SUGGERIMENTO

E’ un circuito ad anello, si può percorrere indifferentemente in senso orario o antiorario.

Il rifugio Cinque Torri è raggiungibile anche in macchina percorrendo la Grande Strada delle Dolomiti SS 48 a circa 11 km dal centro di Cortina, svoltando sulla stradina a sinistra in località Località Cianzopè. La strada è liberamente percorribile nel periodo estivo, ad eccezione di tutto il mese di agosto quando viene chiusa dalle 9:30 alle 15:30. In questo periodo viene attivato un servizio navetta a pagamento. Verificare sempre l’orario di apertura della strada che può subire modifiche telefonando all'ufficio Regole d'Ampezzo: 0436 - 2206

Equipaggiamento consigliato

ATTENZIONE: verificare sempre le date di apertura/chiusura di impianti e rifugi

Il luogo di partenza dell’itinerario è raggiungibile anche con corriere di linea.
Per richiedere informazioni sugli orari delle corriere:

Servizi Ampezzo
Via G. Marconi n° 5 (c/o Autostazione) –  Cortina d’Ampezzo
Tel.  0436 867921
biglietteria@serviziampezzo.it


SCHEDA
Difficoltà: facile
Punto di partenza: Baita Bai de Dones
Punto di arrivo: rifugio Nuvolau
Tempo di percorrenza: ca. 4-5 ore/hrs./Std. a/r
Segnavia: Cai 439 - 441 - 419 - sentiero per trincea Nord
Dislivello totale: 686
Quota di partenza: 1889 m.
Quota di arrivo: 2575 m.
Salita:

Da Baita Bai De Dones al rifugio Cinque Torri
Una passeggiata nel bosco di un’ora porta a conoscere uno dei rifugi storici di Cortina d’Ampezzo dove il tempo sembra essersi fermato: è il rifugio Cinque Torri (inaugurato nell'ottobre del 1904!), immerso in uno spettacolare circondario ai piedi delle 5 Torri, una delle palestre d'arrampicata tra le più conosciute delle Dolomiti.
La passeggiata parte dal piazzale accanto alla seggiovia delle 5 Torri; si devono seguire le indicazioni per il sentiero Cai 425;  il tracciato, facile e in lieve salita, si sviluppa in un bosco di larici e abeti rossi. Dopo un’oretta circa si esce allo scoperto e il panorama spettacolare non può che lasciare senza fiato. Non a caso alpinisti da tutto il mondo, principi e regnanti frequentavano il luogo e il rifugio Cinque Torri. Oltre che per la felice posizione, il Rifugio vanta una cucina di tutto rispetto: ottima scelta fermarsi a pranzo o a cena (su prenotazione) se si desidera vivere l’atmosfera di un tempo e gustare  i piatti di una volta, rivisti con fantasia dallo chef  Massimo. Da provare i "casunziei", ravioli ripieni di verdure di stagione: dalle barbabietole rosse, ai peperoni, dalle patate alla zucca.
Tempo di percorrenza: 1 ora
La descrizione completa di questo tratto è consultabile qui.

Dal rifugio Cinque Torri al rifugio Scoiattoli
Una breve e facile passeggiata porta dal rifugio Cinque Torri Torri al rifugio Scoiattoli: entrambi al cospetto delle 5 Torri, paradiso degli arrampicatori di tutto il mondo. Dal rifugio Cinque Torri si prende il  sentiero 439. In meno di 30 minuti si raggiunge la forcella da dove si scorge il rifugio Scoiattoli dalla cui terrazza panoramica si ammirano gli  arrampicatori in azione sulle pareti delle palestra. In pochi minuti dal Rifugio si può raggiungere il museo all’aperto della Grande Guerra delle 5 Torri (la visita completa richiede circa un’ora).
Tempo di percorrenza: circa 30 minuti
La descrizione completa di questo tratto è consultabile qui.

Dal rifugio Scoiattoli al rifugio Averau
La salita dal rifugio Scoiattoli al rifugio Averau permette di ammirare il versante della Cortina Delicious verso il passo Giau e la Val Fiorentina caratterizzati dai colossi del Civetta e della Marmolada. Il rifugio Averau è famoso per  la cucina di alto livello. Il menù propone piatti dove la tradizione ampezzana incontra quella friulana. Da segnalare i “Cappelli dell’Alpino”, i “Cialsons” e il profumato timballo di fagiano e broccoli. Dalla fornitissima cantina si può scegliere tra ben 170 etichette di vino pregiate, italiane ed europee. Nella carta vini ci sono anche due sezioni speciali: la prima intitolata al grande enologo Giacomo Tachis e la seconda ai Vigneti delle Dolomiti IGP. Non mancano deliziosi dolci rigorosamente fatti in casa per strepitose merende o un godurioso fine pasto.
Tempo di percorrenza: 30 minuti
Nota bene: il rifugio Averau è raggiungibile anche da passo Giau con la seggiovia Fedare.
La descrizione completa di questo tratto è consultabile qui.

Dal rifugio Averau al rifugio Nuvolau
Sembra incredibile, ma si possono raggiungere i 2.575 metri d'altitudine in 30 minuti di passeggiata facile. La meta è il Nuvolau, il più antico rifugio di Cortina e probabilmente delle Dolomiti (venne costruito nel 1883!). Dal rifugio Averau si sale il costone seguendo la segnaletica e le tracce nella roccia. Una volta raggiunto il rifugio Nuvolau non rimane altro che ammirare il panorama: in un sol colpo d’occhio lo spazio abbraccia Marmolada, Pale di San Martino, l'Agner, il Civetta, il Pelmo, l'Antelao, il Sorapis, il Cristallo, le Tofane, il Lagazuoi, il Monte Pore e il Cernera. Più sotto brillano di un verde intenso i prati d’alta quota del meraviglioso passo Giau.
Tempo di percorrenza: 30 minuti
La descrizione completa di questo tratto è consultabile qui.


Discesa:

Dai rifugi Nuvolau e Averau passando per la trincea nord fino al rifugio Scoiattoli e ritorno a Baita Bai De Dones
Per il ritorno proponiamo una  deviazione che permette di camminare all'interno di una trincea della Grande Guerra recentemente ripristinata. Dal rifugio Nuvolau si ritorna alla forcella Nuvolau e al rifugio Averau seguendo le tracce e le indicazioni dell’andata; da qui imboccare il sentiero CAI 441  lungo il versante sud ovest del monte Averau; in 10 minuti si raggiunge forcella Averau a quota m. 2435. Qui è d’obbligo una fermata per ammirare il panorama mozzafiato. Si prosegue per poche decine di metri lungo il sentiero CAI 419; poco dopo si trovano le indicazioni verso la trincea nord della Prima Guerra Mondiale che si percorre fino a ricongiungersi al sentiero Cai  440 e da lì al rifugio Scoiattoli;si ritorna a Baita Bai De Dones con la seggiovia o a piedi.
Tempo di percorrenza: ca. 2 ore


Periodo consigliato: da primavera al tardo autunno. Da fine maggio a giugno degna di nota la fioritura del rododendro.
Lungo il percorso